Cucina Laos

La cucina laotiana si rifà alla tipica cucina della’Asia, ma non è piccante come quella della vicina Thailandia. Essa convive inoltre con la tradizione culinaria francese (in quanto ex-colonia della Francia), quindi non è raro trovare croissant, baguette e paté. L’elemento principale di tutti i pasti laotiani è il riso e quasi tutti i piatti sono preparati con ingredienti freschi quali verdure, pesce, pollo, anatra, maiale, manzo o bufalo.
I piatti laotiani non sono mai dolci ed anzi alcuni sono amari. Il succo di lime, la citronella e il coriandolo fresco conferiscono al cibo un caratteristico aroma pungente e per salare le pietanze vengono utilizzati vari preparati a base di pesce fermentato. Altri condimenti sono il peperoncino, l’aglio, la menta, le arachidi macinate, il succo di tamarindo, lo zenzero e il latte di cocco.
I piatti sovente sono accompagnati da un contorno di lattuga, menta, coriandolo, germogli di mung, lime o basilico: si prende una foglia di lattuga e la si riempie con gli altri ingredienti formando un involtino.

Tra i piatti tipici si possono assaggiare:

  • Laap, piatto fatto con carne spezzettata, generalmente pollo o anatra; la carne viene mischiata con chicchi di riso fritti e schiacciati. Il Laap è solitamente accompagnato da verdure crude e riso bollito;
  • Tam Mak Houng, un’insalata fatta di papaya cruda a pezzi, zucchero e arachidi, il tutto fermentato con salsa di pesce e succo di lime; può essere molto speziata;
  •  Som moo, salsiccia fermentata di maiale, che si può presentare in diversi modi. Essa è ricavata dalla carne cruda. La salsiccia al barbecue, servita in stile vietnamita, è molto popolare nel Laos. Conosciuta come Naem Nuang, è servita con riso, molte erbe, verdure, lattuga e una salsa;
  • Foe, una minestra che si può trovare dappertutto, in questo Paese. yaw jeun or deep-fried spring rolls
  • Ci sono due principali bevande alcoliche laotiane, entrambe ricavate dal riso. Il Lao hai, che significa vaso di alcol, è servito in un vaso di terra e viene comunemente bevuto, con delle cannucce, nelle occasioni di festa. Il Lao lao è un whisky di riso, chiamato anche “alcol bianco” ed è in genere bevuto liscio, accompagnato da un bicchierino di acqua naturale. Negli ultimi anni inoltre, la birra di produzione statale Beerlao è diventata onnipresente nel Laos e sta incrementando la sua notorietà anche a livello internazionale.

Infine, il caffè laotiano è chiamato caffè Pakxong e viene coltivato nell’altopiano di Boleven. Di solito esso è bevuto nel vetro, con sopra uno strato di latte condensato e seguito da un liquore di the verde.

Tradizioni a tavola:

La maniera di mangiare tradizionale prevede di stare seduti su una stuia rossa stesa sul pavimento di legno intorno ad una piano leggermente rialzato chiamato ka toke. Al giorno d’oggi però, mangiare su un ka toke è l’eccezione alla regola, ma la tradizione è mantenuta dai monaci.
Tradizionalmente i cucchiai sono usati solo per le minestre ed il riso bianco e le bacchette solo per le zuppe. La maggior parte del cibo è invece mangiato con le mani: La ragione di questa abitudine è facilmente riconducibile al fatto che è la maniera più facile per mangiare il riso appiccicoso. Legata a questa usanza è poi l’altra particolare abitudine di servire i piatti a temperatura ambiente.
I piatti non sono mangiati in sequenza, la minestra è infatti sorseggiata durante l’intero pasto. Le bevande invece, inclusa l’acqua, non sono previste a tavola.

Share Button