Io e mio nipote Marco siamo tornati da un paio di settimane e possiamo ora ripensare al nostro viaggio dopo aver lasciato sedimentare i ricordi. L’itinerario è risultato pienamente corrispondente a quanto programmato in maniera egregia dalla nostra consulente locale, che ringraziamo di cuore per la gentilezza e la costante vicinanza durante tutto il viaggio, testimoniata da numerosi messaggi e telefonate sulla SIM locale gentilmente donataci sin dal primo giorno. L’impressione generale è quella di un popolo gentile ed estremamente disponibile, che si impegna al massimo per rendere piacevole il soggiorno, senza essere invadente. Ci ha anche molto affascinato la cucina, che abbiamo potuto sperimentare in prima persona durante il viaggio e che tentiamo di ripetere anche ora, dopo il nostro ritorno. Per gente come noi con qualche kilo di troppo si tratta di una dieta ideale, molto sana e gustosa. Sarebbe lungo elencare tutte le belle cose che abbiamo visto, dai villaggi rurali di Tung Nham, con le loro formazioni rocciose e il percorso fluviale dentro le grotte, alle risaie a terrazza delle etnie minoritarie delle valli intorno a Sa Pa. Come non ricordare con emozione lo spettacolo delle centinaia di isole a strapiombo della baia di Halong, i palazzi della città imperiale di Hue, la splendida Hoi An e il sito archeologico di My Son. Per concludere, la gita in barca sul Mekong, il soggiorno nel lodge con il relax nella splendida piscina con acqua a 30 gradi e gli ultimi due giorni in una Saigon che ancora mantiene la sua impronta coloniale francese, ci hanno lasciato il ricordo di un paese incantato, ancora immune dal turismo di massa, che rivedremo in futuro volentieri. Grazie ancora a tutti per averci donato questo splendido viaggio e un ringraziamento speciale a Xu-Yen, per il suo prezioso contributo, e alle guide che si sono avvicendate durante il viaggio.

Gli aspetti positivi ?

Abbiamo trovato straordinaria la città di Hoi An, per la sua peculiarità architettonica, l’animazione delle sue vie e i colori dei suoi mercati.

Gli aspetti negativi ?

A differenza di Ho Chi Min City, che mantiene un piacevole aspetto coloniale, il centro cittadino di Hanoi è oppresso da una soffocante proliferazione di (brutti) edifici, che costringe il traffico in vie strette e sovraffollate.

Gruppo del Signor FRANCESCO QUARELLO
Viaggio in Vietnam dal 15 al 28 gennaio 2016
Tel : +393485827512
Skype : quarello